Marco Travaglio sulla sua rubrica Carta Canta [il delitto Biagi 1/2] riporta dichiarazioni di politici e giornalisti che hanno bastonato Biagi in vita. La lista è lunga: Landolfi, Ferrara, Gasparri, Berlusconi, Calderoli.

Travaglio, certamente in buona fede, si dimentica di citare Michele Santoro, che nel 1996 sul suo “Michele chi?” così si pronunciava nei confronti di Biagi: “gratta gratta i suoi editoriali e troverai un democristiano. I suoi scatti d’indignazione sono coerenti con la linea editoriale dei suoi contratti“.

Annunci