Flash

gennaio 10, 2008

Dopo essere stato bastonato da Alessandro Gilioli, Beppe Grillo ridimensiona un pò l’apocalisse dell’informazione.

Prima:
(…) i giornalisti, questa casta di gente, la vera casta che c’è in Italia. Ve ne siete accorti, no? Migliaia di schiavi vergognosi, messi li a pecorina, a 90°. Una cosa indegna.
Si somigliano tutti, non li distingui più se non quello grasso da quello magro. Riotta è uguale a Mimun che è uguale a Belpietro che è uguale a Giordano che è uguale a Fede. Sono tutti uguali. Si distinguono le élite di questi grandi maggiordomi. Quelli che parlano di libero mercato, che ogni tanto dicono qualcosina e poi rientrano subito. Sono meravigliosi. Parliamo di Scalfari, di Pansa, di Romano, di questi sarcofaghi dell’informazione che scrivono lenzuolate di editoriali che nessuno legge.(…)

Dopo:
Ci sono buoni e anche ottimi giornalisti, quelli che scrivono rischiando la pelle, quelli emarginati, quelli sotto pagati. Il 25 aprile non è contro di loro, ma contro l’ingerenza della politica nell’informazione. 

Chi lo dice a Grillo che togliendo i finanziamenti tout court, a fare le spese saranno anche (se non soprattutto) gli ottimi giornalisti che scrivono rischiando la pelle, quelli emarginati?

Annunci